Web Slices – Cosa sono, a cosa servono e come realizzarli

Sono passati appena pochi giorni dal distribuzione ufficiale della versione 8 del nostro amato Internet Explorer 8. Tra le novità introdotte troviamo i cosidetti “Webslices”. Vediamo un pò di cosa si tratta e se sono veramente tutta questa rivoluzione.

Internet Explorer 8A cosa dovrebbe servire e come si usa

Scopo dei Web Slices è quello di offrire all’utente la possibilità di seguire gli aggiornamenti di un sito web. Passando col mouse sulle varie parti di una pagina web potrebbe incappare in uno web slice definito dal creatore del sito. All’utente viene segnalata la presenza dello web slice attraverso un rettangolo verde, poi basta un click e il tutto verrà incluso nella toolbar del browser. A quel punto il navigatore avrà sempre sott’occhio gli aggiornamenti di quella parte del sito. Se il webmaster si è impegnato la presentazione di questo aggiornamento avrà anche lo stile della pagina web a cui appartiene.

E’ una cosa che non mi suona nuova…

Presentata come un’idea fresca è in realtà una fusione tra due tecnologie già esistenti.

Da una parte hanno preso l’idea che sta alla base gli onnipresenti feed (Atom o RSS) che ci tengono informati sugli aggiornamenti dei nostri siti web preferiti. Il feed, penso sappiate tutti, viene preparato dal webmaster sottoforma di file XML e contiene il testo, eventualmente anche le immagini, dell’aggiornamento. I Web Slices fanno la stessa cosa. L’unica differenza èil modo con cui viene segnalato all’utente. Ma della parte tecnica ne parliamo al prossimo punto.

Dall’altra parte hanno preso i Web Clips di Apple che consentono di selezionare una parte di una pagina web per inserirla nella propria Dashboard. Apparentemente molto simile, la differenza è che in questo caso è l’utente che sceglie arbitrariamente cosa seguire.

Tecnicamente parlando

Sei un webmaster e vuoi inserire un Web Slice nel tuo sito perché fa figo? Bene, la cosa è molto semplice. Basta definire un elemento con una specifica classe e id con all’interno altri elementi identificati da apposite classi. Se proprio si vogliono fare le cose per bene e si vuole far risparmiare un pò di traffico al nostro utente si può anche linkare una risorsa esterna per evitare che il browser sia costretto a scaricare ogni volta tutta la pagina… come un qualsiasi feed insomma.

Guardando con occhio critico la cosa viene spontanea un’osservazione: si sta tentando di dare un valore semantico a una parte di pagina HTML usando l’attributo CLASS che dovrebbe essere destinato alla presentazione? Pare proprio di sì. E’ il solito sistema Microsoft: usa quello che c’è, storpialo un pò e ottieni il risultato. Fantastico!

Concludendo

Francamente questa novità di Redmond mi lascia fortemente perplesso. A cosa dovrebbe servire una tecnologia clone dei feed, fatta peggio dei Web Clips (perché l’utente non può scegliere arbitrariamente)? Bho.  L’unica differenza rispetto ai feed pare essere la presentazione, ma non potevano estendere Atom? Non si sa, ma possiamo pensare che non sarà questo aspetto di IE8 a renderlo un browser migliore.files/files/

Commenta