Internet Explorer 8 per la massa

Sembra che Microsoft si sia decisa a distribuire il suo nuovo browser per le masse inserendolo tra gli aggiornamenti automatici. Come al solito la distribuzione dei prodotti Microsoft segue i suoi tempi e le sue modalità. Per spalmare i milioni e milioni di utenti Windows su un tempo più ampio possibile e per evitare che dei problemi critici finiscano per colpire troppe persone, prima si distribuisce ai volontari e poi alla massa. E’ arrivato il momento delle masse. La mia speranza è che questo evento permetta ad IE6 di morire il più presto possibile, ma credo che cambierà poco rispetto al trend attuale. IE6 perde circa 1% di share ogni mese, suppongo per moria dei PC che lo ospitano. A differenza di quello che molti affermano non è assolutamente vero che IE6 è installato solo sui PC dotati di Windows 2000. Questi ultimi rappresentano poco più dell’1% dei PC che navigano su Internet, mentre la fetta di IE6 è, attualmente, circa il 17%. Probabilmente è dovuto a tutte quelle installazioni non regolari di XP che evitano gli aggiornamenti per paura di prendersi il famigerato WGA (Windows Genuine Advantage). Spero che chi decida volontariamente di rimanere su IE6 sia veramente una esigua minoranza di matti.

Perché tutto questo odio nei confronti di IE6? Semplicemente perché il vetusto motore Trident  4 è talmente fuori standard e fa perdere talmente tanto tempo che anche Microsoft vorrebbe farlo morire. Per non parlare dei bug.

Torniamo ad IE8. Il browser per adesso non ha particolarmente impressionato. Non è il più veloce, non è il più utile, non è il più sicuro. Una roba inutile insomma. Quasi una generazione indietro. Perché aggiornare? Perché segue molto di più gli standard rispetto ai predecessori (supera l’ACID 2!). Se proprio vi stanno sulle balle Opera, Firefox Chrome e Safari fate almeno questo sforzo per il web che tanto amate.files/files/

Commenta