logo

Webnology

Pensieri, commenti e altre robe così… però tutto molto tech'n'cool!

News dalla Casa Bianca: l'ordigno "Fine di Internet"

Che gli Stati Uniti d’America abbiano sempre considerato Internet una loro proprietà è un fatto noto. In base a questo idea hanno anche stabilito che possono disattivarlo a loro piacimento. È fondamentalmente questo il contenuto del The Protecting Cyberspace as a National Asset Act.Certo, non è ancora stata approvato, però se lo sarà darà la possibilità al Presidente degli Stati Uniti d’America di obbligare i provider e le aziende americane che operano su internet di interrompere i propri servizi se ci dovessero essere dei pericoli alla sicurezza nazionale da Internet. Una specie di interruttore con cui spegnere tutto nell’attesa che passi il temporale.

Va da se che spegnendo le aziende americane tutto l’Internet occidentale verrebbe gravemente menomato e probabilmente, oltre a mancare dei servizi essenziali, come la ricerca, per lo più forniti da aziende USA, la rete potrebbe intasarsi pesantemente e rischiare il blocco.

La buona notizia, perché una buona notizia c’è sempre, è che il Presidente potrà bloccare mezzo mondo per soli 120 giorni (circa 4 mesi) e poi, se vorrà andare avanti, dovrà avere il consenso del Congresso. Viva la democrazia!

Sappiamo che Barak Obama non userà mai questa possibilità se non ce ne sarà veramente bisogno perché lui è un premio Nobel per la Pace. Ma chi ci sarà alla casa bianca tra 3 anni? E tra 7?

Molto “divertente” è la motivazione delle necessità di un tale provvedimento: i cinesi possono disattivare la loro rete in ogni momento… perché gli americani no? Non so bene perché, ma questa considerazione mi ha fatto saltare in mente il Dottor Stranamore di Kubrick, quando si scopre il possesso dell’ordigno “fine del mondo” da parte dei sovietici e il presidente americano chiede perché loro non hanno un ordigno del genere. Trovate lo spezzone nel video di questo post.files/files/

Commenta