Per montare un router Wi-Fi ci vuole il tecnico

Quando i nostri parlamentari non hanno proprio nulla da fare, e sembra che capiti spesso, si inventano qualche leggina per fare un favore agli amici. In questo contesto continua a prendere forma l’assurdità di istituire un albo per gli installatori di apparecchiature di rete perché questi sarebbero gli unici a poterlo fare legalmente. Mi compro il router Wi-Fi al supermercato e devo chiamare un tecnico e pagarlo profumatamente per attaccare due cavetti e inserire una password?

L’unica operazione che uno potrebbe fare in autonomia sarebbe quella di attaccare un dispositivo a cui non possono attaccarsi più di 10 utenti e che è da attaccare solamente alla rete fornita dal provider. Messa così non posso neanche comprare un router in negozio e installarmelo per conto mio perché dovrei almeno inserire nome utente e password per l’accesso all’ADSL. Se è Wi-Fi non se ne parla proprio perché si possono attaccare più di 10 utenti.

A che serve tutto ciò? Boh. Come al solito è scritto da persone che apparentemente non ne capiscono nulla con l’apparente scopo di caricare su privati e aziende dei costi aggiuntivi completamente inutili. Quale pericolo si potrebbe mai correre ad allacciare un router? Che terribili insidie comporta questa attività rispetto a, per esempio, montare un tavolo dell’Ikea?

Nessuno lo sa, tutti gli addetti del settore sono a dir poco scandalizzati da una proposta pasticciata, priva di utilità per chiunque che complica la vita alle aziende che già di loro hanno tante cose a cui pensare e comporta dei costi che in tempo di crisi sarebbero da evitare. A favore di chi? Della famelica lobby degli installatori di apparecchi di rete? La politica non riesce a tenere a bada neanche gente come questa?

Vedremo come andrà a finire.files/files/

Un commento per “Per montare un router Wi-Fi ci vuole il tecnico”

Inserito: 06/04/2011 11:15

[…] Quando i nostri parlamentari non hanno proprio nulla da fare, e sembra che capiti spesso, si inventano qualche leggina per fare un favore agli amici. In questo contesto continua a prendere forma l’assurdità di istituire un albo per gli installatori di apparecchiature di rete perché questi sarebbero gli unici a poterlo fare legalmente. Mi compro il router Wi-Fi al supermercato e devo chiamare un tecnico e pagarlo profumatamente per attaccare due cavetti e inserire una password? L’unica operazione che uno potrebbe fare in autonomia sarebbe quella di attaccare un dispositivo a cui non possono attaccarsi più di 10 utenti e che è da attaccare solamente alla rete fornita dal provider. […] Leggi l'articolo completo su Webnology […]

Commenta